Torna all'Home Page di Itineraria Menu del sito
Associazione Guide Turistiche Autorizzate per la Regione Friuli Venezia Giulia  
 
entra nella sezione: Links entra nella sezione: Chi siamo entra nella sezione: News entra nella sezione: Eventi
     
  home > evento astaldi
MARIA LUISA ASTALDI: cenni biografici
   
 
Ritratto Astaldi - Luigi Bonpard   Ritratto Astaldi - Luigi Bonpard   Ritratto Astaldi - Leonetta Cecchi Pieraccini 1955   Ritratto Astaldi - Orfeo Tamburi 1958   Ritratto Astaldi - Carlo Levi 1969
                 
Luigi Bonpard   Luigi Bonpard   Leonetta Cecchi Pieraccini 1955   Orfeo Tamburi 1958   Carlo Levi 1969
 
> bibliografia essenziale    
    Cenni Biografici
 
 
  • M. L. Astaldi è nata il 14 agosto 1899 a Tricesimo, in provincia di Udine e si è spenta a Roma il 22 dicembre 1982.
  • Si laureò a Roma in Giurisprudenza, ma circostanze familiari, una serie di soggiorni a Londra, e la frequentazione del British Institute a Firenze, dove risiedeva con la famiglia, le consentirono una larga conoscenza della lingua e della letteratura anglosassone tanto da conseguire, presso l'Università di Firenze, il titolo allora valido per l'insegnamento della lingua inglese.
  • Dal 1930 in poi i suoi articoli di informazione critica sui libri inglesi e americani furono pubblicati settimanalmente sul “Giornale d'Italia” mentre venivano dati alle stampe vari suoi romanzi apprezzati e discussi come “Canta che ti passa”, “La fatica di volersi bene”, “Una ragazza cresce” - quest'ultimo al centro di una vivace polemica perché imputato di antifascismo -, “Voci sull'altipiano” e “La torre del diavolo”.
  • Nel 1939 affrontò l’impresa di una “Storia del romanzo” assurta subito a notorietà per i contrasti che suscitò nel mondo delle lettere; in seguito pubblicò una serie di volumi sulla storia della letteratura inglese: “Clienti e parassiti anglosassoni”, “La signora Gaskell”, “Letture inglesi”, “Nuove letture inglesi”, “Il poeta e la regina”. La principale caratteristica dell'autrice rilevata dalla critica contemporanea è una spiccata attitudine agli scorci storico - sociali, ai ritratti di epoche, alla ricostruzione di atmosfere.
  • Nel 1947 Maria Luisa Astaldi intraprese una rilevante operazione culturale fondando la rivista Ulisse, la prima e la sola rivista italiana con intenti di divulgazione scientifica. Di taglio monografico, la rivista affrontò in ogni numero un problema di viva attualità sotto la direzione di Maria Luisa, affiancata dapprima da Raffaele Contu poi da Paolo Alatri.
  • Nel 1949 con piccoli contributi del Ministero degli Esteri e di Enti della provincia di Belluno, ma principalmente a sue spese, fondò il Premio Europeo Cortina Ulisse, da assegnarsi a un'opera rispondente a intenti di divulgazione alternativamente nel campo delle scienze fisiche e in quelle morali, realizzata in modo brillante e accessibile, "nella convinzione che la cultura debba essere strumento comune di civiltà e di vita e non patrimonio o retaggio di privilegiati", motivazione illuminante per comprenderne la personalità.
    Il Premio, oggi promosso dalla nipote, dott.ssa Giovanna Astaldi, ha coronato l'opera di insigni personalità europee, da Lionello Venturi a Graham Hutton, da George Elgozy a Ladislao Mittner, da Giulio Carlo Argan a Martinet, a George Steiner e Margherita Hack.
    Nel 2002 il Premio Europeo Cortina Ulisse per la divulgazione scientifica è stato assegnato al saggio "Codici & segreti" di Simon Singh (Rizzoli). La consegna è avvenuta il 16 luglio alla presenza di Werner Arber, Nobel per la Medicina 1978, e Arno Penzias, Nobel per la Fisica 1978. (Il libro di Singh ripercorre la storia mondiale offrendo numerosi esempi dei codici cifrati utilizzati nelle varie epoche, dal lineare B ai codici elettronici, da quelli utilizzati da Maria Stuarda a quelli usati dai tedeschi nella seconda guerra mondiale).
  • Chiamata a partecipare in qualità di esperta alle conferenze dell'UNESCO a Firenze (1953), a Parigi (1955) e a New Dehli (1957), membro del Comitato esecutivo della Societé européenne de Culture e della giuria del Premio Viareggio, Maria Luisa Astaldi venne spesso invitata all'estero da Università e Istituti di Cultura.
  • Alla Sorbonne di Parigi tenne un ciclo di conferenze su "Tommaseo et la France"; in Germania, a Monaco e a Colonia, conferenze in tedesco sulle correnti della letteratura italiana, su Holderlin e Foscolo. A Budapest prese parte a un convegno di studi su Manzoni commemorandone l'opera a Bucarest, presso l'Istituto Italiano di Cultura.
  • I volumi sulla storia delle lettere inglesi insieme a quello più rigorosamente scientifico “Influenze tedesche sulla letteratura inglese del primo Ottocento”, le aprirono la via alla libera docenza e quindi all'incarico di Lingua e Letteratura inglese presso l'Università di Roma.
  • Nel 1966 il ponderoso volume sulla vita e l'opera di Niccolo’ Tommaseo fu accolto dalla critica con notevoli consensi, tanto da renderne necessaria una seconda edizione, e fu adattato anche per una trasmissione radiofonica della RAI.
  • Collaborò attivamente in qualità di giornalista anche a quotidiani come l'Avanti e il Giorno; nel 1971 il suo volume su Manzoni, “Manzoni ieri e oggi”, anch'esso ristampato in seconda edizione, destò grandi discussioni e consensi.
  • Nel 1974 pubblico’ per Rizzoli il volume “Tre inglesi pazzi”, tre biografie liberamente rielaborate su documenti ed epistolari di J. Swift, S. Johnson e W. Beckford; del 1976 è una raccolta di saggi sulla letteratura tedesca e anglo - americana, “Amati libri”, e l'anno seguente, sempre presso Rizzoli, uscì “Giuseppe Baretti”, concepito come il tumultuoso romanzo della vita di questo tipico viaggiatore e letterato del Settecento che l'autrice volle, in questa occasione, riscoprire e riproporre come uomo di straordinario talento, creatore della prima limpidissima prosa italiana moderna, mai assetato di denaro, ma solo di conoscenza e di vita morale.
  • Nel 1979 pubblicò la sua ultima fatica di storico letterario, la biografia Metastasio: da un'umile bottega in Campo dei Fiori alla corte di Vienna: la vita e il mondo di un grande poeta, anch'esso edita da Rizzoli.
 
 
  eventi   news   chi siamo   links   home  
Sede legale:
Itineraria

via Ermes di Colloredo, 11/8
33100 Udine
mobile +39 347 2522221
itineraria@itinerariafvg.it
C.F. 94040630306
P.Iva 01957220302
 
© 2008 Copyright ITINERARIA - Tutti i diritti riservati.
© Copyright project - Web Industry