Torna all'Home Page di Itineraria Menu del sito
Associazione Guide Turistiche Autorizzate per la Regione Friuli Venezia Giulia  
 
entra nella sezione: Links entra nella sezione: Chi siamo entra nella sezione: News entra nella sezione: Eventi
     
  home - un velo da svelare
"Un velo da svelare" Iniziativa a margine del V Convegno
Artisti in viaggio '900. Presenze foreste in Friuli Venezia Giulia
       
 

Il Cimitero degli Eroi di Aquileia

Il Cimitero degli Eroi di Aquileia

 

Sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica Italiana Giorgio Napolitano

Il progetto interdisciplinare sugli artisti, studiosi e letterati “foresti” giunti in Friuli Venezia Giulia dal XIV al XX secolo ha ricevuto nel 2005 la medaglia d’argento della Presidenza della Repubblica

Con il patrocinio di:

Parlamento Europeo – Ufficio per l’Italia
Presidenza del Consiglio dei Ministri
Ministero per i Beni e le Attività Culturali
Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia
Provincia di Udine, Assessorato alla Cultura
Fondazione CRUP
Università degli Studi di Udine
Club Unesco di Udine

 

logoRegione Autonoma Friuli Venezia Giulia


UN VELO
DA SVELARE

Iniziativa a margine del V Convegno Artisti in viaggio ‘900. Presenze foreste in Friuli Venezia Giulia
Università di Udine, 19 – 20 – 21 ottobre 2006

 

Il Cimitero degli Eroi di Aquileia

O Aquileia, donna di tristezza, sovrana di dolore,
tu serbi le primizie della forza nei tumuli di zolle,
all’ombra dei cipressi pensierosi.
Custodisci nell’erba i morti primi:
una verginita’ di sangue sacro e quasi un rifiorire di martirio
che rinnovella in te la melodia.

La madre chiama e in te comincia il canto.
Nel profondo di te comincia il canto.
L’inno comincia degli imperituri
quando il divino calice s’ innalza.
Trema a tutti i viventi il cuore in petto.
Il sacrificio arde fra l’Alpe e il mare.


Gabriele D’Annunzio
2 Novembre 1915


Il Cimitero degli Eroi di Aquileia fu iniziato nel 1915, per accogliere le prime salme dei soldati caduti sul Carso, e acquisì la forma che conosciamo all’inizio degli anni Venti. Dai diari di Monsignor Celso Costantini emerge il suggestivo racconto dei primi lavori realizzati per tracciare il viale dietro la Basilica e la messa a dimora delle piccole siepi di bosso, portate da Concordia Sagittaria a sottolineare l’antico legame tra le due città. Dalla Toscana, dono del Comune di Firenze per intervento dello scrittore Ugo Ojetti, giunsero invece i lauri e i cipressi che ancora oggi adornano questo luogo di memoria e di riflessione.

Più tardi, nel tempo in cui le salme dei cimiteri di guerra, disseminati lungo l’intero arco alpino, furono raccolte per essere ricollocate nei grandi ossari che avrebbero dovuto indicare al mondo la grandezza di quegli eroi, i caduti sepolti ad Aquileia non furono toccati, ma rispettosamente lasciati nel luogo primo della loro sepoltura. Questo accadde per una serie di ragioni, tra queste, non da ultima, la consapevolezza che qui era stata ospitata la salma del milite ignoto prima di essere trasportato nella cripta dell’Altare della Patria a Roma.

Il cimitero è caratterizzato dalle eleganti croci in ferro battuto e bronzo che nella targa circolare contengono la scritta Dulce et decorum est pro Patria mori e all’interno recano il nome del caduto, realizzate da Alberto Calligaris (1880 – 1960). All’interno del cimitero si trovano importanti gruppi marmorei, quali il Cristo morente di Edmondo Furlan, L’Angelo della Carita’ di Ettore Ximenes e L’arcosolio in pietra che sovrasta la tomba dei 10 militi ignoti realizzato in asse con la basilica per concludere idealmente un percorso ideale fra l’antichità romana e la Grande Guerra. Ai piedi del monumento si trova la sepoltura di colei che scelse la salma del milite da trasferire a Roma: “Maria Bergamas per tutte le madri – IV Novembre MCMLIV”.

Oggi questo cimitero si trova in uno stato di grave degrado che investe sia i monumenti in senso stretto: le tombe, i gruppi marmorei, i capolavori in ferro battuto, come pure l’apparato naturalistico formato da alberi monumentali e recinti di siepi in bosso.

In occasione del V Convegno, Artisti in viaggio ‘900. Presenze foreste in Friuli Venezia Giulia, ITINERARIA vuole segnalare l’urgente necessità di restauro di questo documento unico e insostituibile della nostra Storia, attraverso una campagna di sensibilizzazione volta a raccogliere fondi per l’iniziativa.

Il restauro sarà curato dalla Soprintendenza del Friuli Venezia Giulia con l'approvazione del Comune di Aquileia.

 
 
 
 
  eventi   news   chi siamo   links   home  
Sede legale:
Itineraria

via Ermes di Colloredo, 11/8
33100 Udine
mobile +39 347 2522221
itineraria@itinerariafvg.it
C.F. 94040630306
P.Iva 01957220302
 
© 2008 Copyright ITINERARIA - Tutti i diritti riservati.
© Copyright project - Web Industry